Digital signage cos'è

Sono sempre più numerose le imprese che investono in Digital Signage, il metodo più all’avanguardia per comunicare coi clienti, fornire informazioni e offrire servizi.

Ogni giorno, ognuno di noi interagisce con la segnaletica digitale, già largamente diffusa nelle nostre città. Dai monitor che mostrano campagne pubblicitarie agli schermi interattivi presenti nei centri commerciali o nelle strutture che erogano servizi bancari e sanitari.

Si tratta di una tecnologia flessibile dalle grandi potenzialità che può adattarsi alle necessità di ogni tipo di business e rivoluzionare il modo in cui le aziende comunicano sia internamente che con il loro pubblico. Vediamo assieme di cosa si tratta, come funziona e come può potenziare le strategie della tua impresa.

Digital signage business

Cos’è il Digital Signage

Quando parliamo di Digital Signage ci riferiamo all’innovativo sistema utilizzato per informare e persuadere il pubblico attraverso contenuti digitali dinamici. Questa tecnologia abbraccia una vasta gamma di soluzioni, dai grandi schermi nei centri commerciali ai totem interattivi negli aeroporti, passando per i menù digitali nei ristoranti e le insegne pubblicitarie lungo le strade.

Dunque, il Digital Signage può sostituire la cartellonistica pubblicitaria cartacea e implementare ulteriori servizi all’interno di locali, negozi o sportelli di servizi al pubblico. È una soluzione versatile gestita con tecnologie all’avanguardia che consente di massimizzare l’efficacia di diverse strategie aziendali:

  • Marketing e comunicazione – veicolare le strategie ADV attraverso immagini dinamiche e coordinate è meno dispendioso e più performante rispetto alle affissioni analogiche;
  • Servizi al pubblico – basti pensare alle mappe interattive installate nei centri commerciali, che offrono informazioni ai clienti e l’opportunità di raccogliere feedback. Oppure, ai sistemi saltacoda già largamente diffusi sia nei negozi che negli ospedali o nelle banche;
  • Ottimizzazione dei flussi di lavoro – per esempio, nel settore ristorazione e alberghiero, permettendo agli ospiti di effettuare degli ordini e richiedere servizi, facilitando il lavoro del personale;
  • Intrattenimento – attraverso la diffusione di contenuti ad alto coinvolgimento, spesso interattivi, per catturare l’attenzione delle persone.

Tutto questo è possibile grazie alla grande varietà dei contenuti digitali che possono essere creati, gestiti e condivisi con i diversi device a disposizione. Possiamo, per esempio, visualizzare:

  • Gallerie di immagini;
  • Montaggi video e filmati;
  • Testi e mappe interattive;
  • Menu con voci selezionabili;
  • Aggiornamenti in tempo reale (social, news, meteo, orari dei mezzi pubblici).

Quindi, non c’è solo una fruizione passiva dei contenuti: con le tecnologie interattive e la programmazione di software ad hoc, è possibile andare oltre alla proiezione di foto e video, creando interazioni in tempo reale, che coinvolgono le persone e rispondo ai loro input.

Digital signage come funziona

Come funziona la Segnaletica Digitale

Considerando le possibilità grafiche e funzionali offerte dalla Digital Signage, si potrebbe pensare che dietro al suo corretto funzionamento ci sia un complesso sistema di soluzioni informatiche e ingegneristiche. In realtà, anche quando vediamo più monitor coordinati o diversi pannelli installati a grande distanza tra loro, la struttura si compone essenzialmente di tre elementi fondamentali:

  • Software;
  • Player;
  • Monitor.

Diamo un’occhiata più da vicino e approfondiamo ogni dettaglio, non fosse solo per comprendere meglio come funziona il Digital Signage e quali opportunità può offrire.

Software per Digital Signage

Alla base di un’installazione di segnaletica digitale c’è un programma dedicato alla creazione e alla gestione dei contenuti: il CMS (Content Management System). Questo software per il Digital Signage offre diverse funzionalità, come:

  • caricamento e gestione dei contenuti;
  • programmazione basata sul tempo per la pubblicazione dei contenuti;
  • editing istantaneo dei materiali già caricati;
  • organizzazione dei display, per facilitare aggiornamenti e caricamenti;
  • verifica del funzionamento di tutti i player connessi, a prescindere dal loro posizionamento.

Essendo un software intuitivo, che non necessita di alcuna competenza di programmazione, l’utilizzo dei CMS è in crescita esponenziale. Senza trascurare che, con le sue funzionalità avanzate di gestione dei contenuti digitali, rende più flessibili ed efficaci le strategie di comunicazione e promozione delle aziende.

Inoltre, grazie alla continua implementazione e alla maggiore efficacia di reti Wi-Fi e di nuove tecnologie connesse, come il Cloud, la gestione e la manutenzione ordinaria di software e dispositivi hardware può avvenire da remoto. In questo modo, è possibile abbattere notevolmente le tempistiche e i costi d’intervento.

Digital signage software

CMS SaaS o soluzioni On-premise?

Il CMS (Content Management System) per il digital signage può essere fornito all’utilizzatore in almeno 2 modalità diverse:

  • SaaS (Software as a Service) – ovvero, come soluzione ospitata su server esterni e accessibili via internet. Questa modalità consente di sottoscrivere un abbonamento con l’azienda produttrice del CMS, la quale mette a disposizione il software per un periodo stabilito, a seconda delle esigenze dell’azienda. Quindi, è possibile ridurre i costi di gestione e manutenzione.
  • On-premise – questa formula prevede l’acquisto del software da parte dell’utilizzatore, per essere poi installato direttamente sui propri server aziendali. È una soluzione che offre più controllo sui dati e maggiore personalizzazione, ma il CMS è utilizzabile solo tramite la rete aziendale, richiedendo più risorse interne per la gestione e la manutenzione.

Media Player

I modem e i totem funzionano grazie a un piccolo dispositivo, fulcro del Digital Signage: il Media Player. Da non confondere con il Device Management System, necessario alla gestione remota dei dispositivi, il Player è configurato in modo da connettersi a internet ed essere accessibile tramite il CMS online. La scelta del giusto Player per riprodurre i contenuti digitali sui display necessita dell’analisi di 4 caratteristiche fondamentali:

  • Prestazioni e risoluzione;
  • Sicurezza;
  • Supporto del multi-screen;
  • Connessione.

Naturalmente, il media player è parte integrante della soluzione di Digital Signage prescelta. Quindi, è sempre necessario verificare quali tipi di contenuti e con quale risoluzione (4k, Full HD o UHD, per esempio) un determinato hardware è in grado di supportare e trasmettere. Infatti, deve garantire alte prestazioni per poter diffondere immagini, video e menu interattivi di qualità. Ma non solo, deve anche essere aggiornato e aggiornabile, poiché un sistema obsoleto incorre con maggiore frequenza in rallentamenti ed errori.

Monitor segnaletica digitale

Un altro aspetto fondamentale è la gestione della sicurezza, per scongiurare attacchi informatici: il Player deve garantire un alto margine di protezione dei dati sensibili e delle informazioni private presenti nei server aziendali, per schermare qualsiasi accesso non autorizzato.

Se la strategia aziendale richiede la presenza di più monitor, è bene accertarsi che il Player sia in grado di gestire la diffusione dei contenuti multi-screen, verificando a seconda delle esigenze, che proietti gli stessi contenuti su più schermi o contenuti differenti in simultanea.

Per quanto riguarda la connessione, invece, i Player migliori sono quelli che si collegano alla rete internet sia con il wi-fi che con il cavo ethernet, per offrire maggiori possibilità di operatività, in base al luogo in cui il monitor verrà installato.

Monitor per il Digital Signage

I monitor per il Digital Signage non sono delle normali televisioni, perché devono garantire alte prestazioni per tempi prolungati. Inoltre, talvolta, devono anche garantire l’integrazione ottimale con funzionalità aggiuntive, come il touchscreen o i rilevatori di posizione.

I monitor LFD (Large Format Display) sono progettati per un uso intensivo, non hanno il sintonizzatore e si adattano a contesti e condizioni ambientali differenti, a seconda della necessità. Possiamo distinguere 3 tipi differenti di monitor per il Digital Signage:

  • Indoor – hanno una luminosità medio bassa, ideale per gli spazi interni, in cui la luce non colpisce direttamente lo schermo.
  • Outdoor – sono progettati per essere sufficientemente luminosi da contrastare la luce diretta e rendere visibili i contenuti trasmessi in qualsiasi condizione atmosferica. In genere sono contenuti in box d’acciaio, che si termoregolano autonomamente, per preservare il buon funzionamento dell’apparecchio e proteggerne i componenti da polvere, acqua e sbalzi di tensione.
  • Da vetrina – hanno delle specifiche orientate a ottimizzare le performance dei device costantemente operativi ed esposti alla luce diretta del sole. Quindi, sono progettati per garantire elevate performance e mantenere la loro intensa luminosità (in genere dai 1000 nit a salire).

Ma la scelta del monitor migliore per la propria strategia di comunicazione passa anche dalla valutazione delle dimensioni. Questo aspetto dipende in gran parte da dove verrà posizionato il monitor e dal tipo di utilizzo. A tal proposito, sarà necessario valutare anche la frequenza di utilizzo: se si tratta di un’operatività continuativa e costante, il display per Digital Signage dovrà avere caratteristiche che gli permettano di funzionare 24 ore su 24, 7 giorni su 7, senza subire cali nelle prestazioni (come i monitor da esterno, che restano attivi anche durante la notte).

Display segnaletica digitale

Come i software, anche i monitor possono essere acquistati, oppure utilizzati tramite un contratto di noleggio operativo, che prevede l’utilizzo da parte del cliente a fronte di un canone mensile. La scelta, in questo caso, dipende dalle politiche economiche e strategiche dell’azienda.

Infine, un altro aspetto importante legato all’installazione dei monitor per il Digital Signage, è la scelta della staffa. Ci sono diverse tipologie e soluzioni. Una staffa può essere fissa, inclinabile, ruotabile o multisnodo. E può essere fissata al soffitto, a parete o al pavimento.

Tutte queste variabili offrono numerose opportunità di installazione differenti, declinabili su diversi scenari e garantendo la fruibilità migliore dei contenuti distribuiti tramite il Digital Signage.

una nuova opportunità per il tuo business

È sempre più frequente imbattersi quotidianamente nella segnaletica digitale. Questo succede perché è una tecnologia che offre elevate prestazioni e ha un alto tasso di ritorno economico in relazione agli investimenti richiesti.

I settori che dominano attualmente l’utilizzo del Digital Signage sono probabilmente il marketing e il retail, ma è un formato di comunicazione così flessibile che si inserisce in qualsiasi contesto di relazione con il pubblico.

I monitor che proiettano segnaletica digitale sono in particolar modo funzionali nei luoghi di intrattenimento e nelle strutture ricettive. Possono essere utilizzati nei teatri, nei cinema, in un’esposizione artistica o ai concerti, per condividere contenuti d’intrattenimento, informazioni sugli spettacoli stessi o sulla struttura in cui si svolge l’evento. Ma anche palestre e centri benessere possono cogliere l’opportunità di divulgare in modo più efficace contenuti specifici rivolti al proprio target.

Con lo stesso scopo informativo, il Digital Signage può essere impiegato nelle strutture medico-ospedaliere, per supportare la diffusione di norme sanitarie di pubblica utilità, informare in modo mirato su buone pratiche di prevenzione o riguardo a determinate patologie. Oltre a condividere informazioni sul funzionamento dell’ospedale, degli ambulatori o degli studi specialistici.

L’installazione di monitor può inoltre supportare intenti educativi, con applicazioni in scuole, università e aziende. È un modo rapido e coinvolgente di condividere orari di lezioni ed eventi, incontri e attività di vario genere. Mentre in azienda può offrire l’opportunità di condividere in tempo reale lo stato dei flussi di lavoro, sollecitare le misure antinfortunistiche da adottare o le best practice per evitare i rischi informatici.

Un utile impiego nel settore bancario non si limita alla funzione di gestione delle code, ma anche all’interazione diretta tra i clienti e i servizi messi a disposizione, con la possibilità di raccogliere feedback immediati e, di conseguenza, l’opportunità di migliorare la customer experience delle persone.

Digital signage marketing

Una partnership efficace per il tuo Digital Signage

Quanto visto finora racchiude solo alcuni esempi, tra le tante casistiche possibili, in cui un’azienda può trarre vantaggi preziosi dal Digital Signage, per implementare strategie di comunicazione più efficaci, acquisire dati e consolidare la propria presenza sul mercato.

Anche se la segnaletica digitale è semplice da usare ed estremamente funzionale al raggiungimento degli obiettivi aziendali, il “fai da te” non è mai consigliabile. Le opzioni disponibili sono così numerose che è sempre meglio rivolgersi a dei professionisti del settore, per trovare la soluzione ottimale e trasformare il Digital Signage in una leva di crescita sostenibile per il tuo modello di business.

In M&R sappiamo che ogni impresa è unica nella sua identità, con progetti e necessità specifiche. Contattaci per una consulenza strategica, senza impegno. Siamo sicuri che insieme possiamo sviluppare il giusto set up tecnologico, per sviluppare le soluzioni digitali multimediali in grado di elevare la comunicazione aziendale. Fai emergere tutto il potenziale della tua impresa.

Articoli simili